Vinitaly 2016. Sicilia: i vitigni autoctoni della Sicilia Occidentale, Trapani, Erice e Marsala

“Un viaggio tra gli autoctoni della Sicilia Occidentale: grillo, catarratto, zibibbo. E tutte le altre uve della zona tra Trapani, Erice e Marsala”

La zona occidentale della Sicilia è storicamente conosciuta soprattutto per la produzione del Marsala. Il famoso vino fortificato che alla fine del 1700 era molto apprezzato nelle principali città europee. Una storia che nasce dall’intuizione del mercante inglese John Woodhouse che, dopo aver assaggiato i vini di Marsala, comprese per primo che potevano competere sui mercati internazionali con le celebri etichette di Jerez e Porto.

In realtà le origini della viticoltura in quest’area della Sicilia sono molto più antiche. La zona di Mozia, Erice e Marsala fin dal lontano VIII/VII secolo a. C. è stata colonizzata dai commercianti Fenici a cui seguirono i Cartaginesi, i Greci e i Romani. Una tradizione millenaria, che ha conservato fino ai giorni nostri un ricco patrimonio di vitigni autoctoni, ancora in cerca di una piena valorizzazione.

 

Leggi l’articolo comlpleto
http://www.gamberorosso.it/it/wine/1024494