Il Catarratto è una varietà caratteristica ed espressiva dell’isola, per questo l’abbiamo voluta inserire nella Linea Naturalmente bio.

Se si vuole assaggiare la Sicilia in un sorso, allora conviene scegliere il Catarratto.

Profumi di zagara, gelsomino, erbe aromatiche e agrumi di Sicilia: questo il bouquet che lo contraddistingue. Al palato colpisce per la vivace acidità, ben equilibrata da note fruttate e da una nitida vena minerale. Il finale presenta una spiccata nota salina, caratteristica delle brezze marine che arrivano fino in collina. Questo perché i nostri vigneti sono collocati a circa 20 km dalla costa. Cicerone descrisse Marsala come “pulcherrima sed ventosa”, ovvero “bellissima ma ventosa”. Ed è proprio così. Marsala, nella punta più ad ovest dell’intera isola, è sempre accarezzata dal vento, che soffia con una confortante costanza sulla città. Il vento benedetto, capace di portare il profumo del sale fino a 400 metri sul livello del mare, proprio sulle nostre uve. Ed è così che alla salinità si unisce anche una distinta freschezza e minerali, dovuta all’altitudine.

Il Catarratto è una varietà fortemente legata al contesto dove l’azienda nasce, stiamo parlando di un vitigno storico coltivato in ogni angolo di Sicilia, anche se la sua zona elettiva è proprio qui, nel Trapanese, dove è coltivato da secoli ed è stato per lungo tempo il protagonista di un grande vino: il Marsala

Nella nostra versione biologica, abbiamo riportato in etichetta i fiori di Senape, che troviamo fino a Marzo in vigna, molto importanti per garantire la biodiversità del vigneto. 

Sapidità, acidità e tanta stoffa invitano ad abbinamenti con piatti sostanziosi. Il nostro personale consiglio per il Catarratto Naturalmente Bio? Vi assicuriamo che è una bomba se assaggio con la pasta con le Sarde che cucina Mamma Matilde!

Vuoi scoprire di più sulla linea Naturalmente Bio? Clicca QUI .